Telefono (+39) 0185490576

Come arrivare

 
Arrivare in...auto
Per chi arriva in autostrada (A-12 Genova Livorno) i caselli da utilizzare sono quello di Sestri Levante per chi proviene da Genova e quello di Deiva Marina per chi proviene da La Spezia.
A questo punto potrai raggiungere Moneglia scegliendo tra due alternative : Strada delle gallerie o Strada panoramica

La strada delle gallerie
Quella delle gallerie è una strada forse unica in Italia. Corre lungo la costa per circa 9 km la maggior parte dei quali da percorrersi in galleria interrotti da brevi tratti a cielo aperto che sovrastano tratti di arenile incontaminato raggiungibili solo attraverso pericolose discese a piedi oppure direttamente dal mare. E' una strada a senso unico alternato regolato da un impianto semaforico dalle caratteristiche un po' particolari.
Per percorrere in ciascun senso di marcia l'intero percorso sono necessari circa 10 minuti per cui è possibile attendere il segnale verde anche per 20 minuti nel qual caso si arrivasse in prossimità dell'imbocco della prima galleria quando il segnale rosso è appena scattato. Questo per chi proviene da Sestri Levante.... Per chi proviene invece da Deiva Marina l'attesa può durare fino a 10 minuti in quanto la strada da percorrere è minore. Noi consigliamo di uscire al casello di Sestri Levante anche per chi proviene da La Spezia.
A che ora scatta il semaforo?
Da Sestri Levante Ogni ora ai minuti: -15 - 35 -55
Da Deiva Marina Ogni ora ai minuti: - 00 - 10 - 20 - 30 - 40 -50

La strada panoramica
Un'alternativa a quella delle gallerie, che nonostante tutto rimane la via più veloce per arrivare a Moneglia, è la strada panoramica che, pur essendo più lunga, offre scorci di rara bellezza.
Bisogna infatti raggiungere in quota il passo del Bracco per poi ridiscendere a Moneglia percorrendo due strade provinciali che attraversando caratteristiche frazioni liguri meritevoli di una visita più approfondita. Percorrendo quindi la strada statale n.1 Aurelia, prima di arrivare al Passo del Bracco troverete le deviazioni per scendere nell'abitato di Moneglia.
Salendo da Sestri Levante la prima deviazione che incontrate (vi sono le indicazioni ad aiutarvi) è quella che scende attraversando la frazione 'Casale'.
Per chi proviene invece da Deiva Marina la prima deviazione è quella che passa attraverso la frazione 'S.Saturnino'. Per chi esce dall'autostrada al casello di Deiva Marina è conveniente, invece di scendere fino al mare, svoltare a sinistra e salire per alcuni km. fino alla sommità (Tagliamento) dove si incontra la Via Aurelia. Scendendo in direzione Sestri Levante incontrerete la deviazione per raggiungere l'abitato di Moneglia.

Non siete ancori sicuri di arrivare a Moneglia?
Ecco una spiegazione dettagliata della strada da percorrere.
Come arrivare alla strada delle gallerie. Uscendo dal casello di Sestri Levante All'uscita del casello proseguire fino alla seconda rotonda , svoltare a sinistra.
Vi troverete su un lungo rettilineo a senso unico da percorrere fino ad incontrare una rotonda dopo la quale termina il senso unico. Continuando sempre sul rettilineo 100 metri dopo la rotonda dopo una breve tratto in salita svoltate a destra percorrendo la strada che fiancheggia la ferrovia. (continuando sulla salita andate in direzione del Passo del Bracco) Non potete più sbagliare. Proseguendo senza più svoltare vi troverete all'ingresso della prima galleria. ATTENZIONE: Su questa strada incontrate un sottopassaggio delle Ferrovie dello stato molto stretto e basso. Se venite in roulotte o camper vi consigliamo, quando arrivate alla rotonda di svoltare invece a destra e proseguire in direzione di Sestri Levante. Alla prima rotonda svoltate a sinistra imboccando la strada che vi farà attraversare l'abitato di Riva Trigoso. Seguire le indicazioni per Moneglia senza possibilità di errore.
Uscendo dal casello di Deiva Marina All'Uscita del casello prendete la strada in direzione dell'abitato di Deiva Marina facendo attenzione all'altezza massima consentita a causa di un sottopasso nell'abitato stesso. Girando invece a sinistra all'uscita del casello vi dirigete verso il Passo del Bracco. Il cartello è subito all'uscita del casello. L'uscita dell'autostrada è molto distante dall'abitato e dovrete percorrere qualche chilometro in discesa. La strada è unica, attraversate l'abitato di Deiva Marina fino ad arrivare sul lungomare, terminato il quale vi troverete all'imbocco delle gallerie.


Arrivare in... treno
Moneglia è facilmente raggiungibile con la linea regionale Genova-La Spezia.
Tutte le informazioni le trovate sul sito Trenitalia

A
rrivare in..autobus
Il servizio autobus ATP collega Moneglia a Sestri Levante, Deiva Marina e a tutte le frazioni.
Tutti gli orari qui  Orari Atp
 

Bracco
Il Bracco è una piccola località appoggiata sul crinale di una collina che divide Moneglia da Castiglione Chiavarese. Sorge lungo l'antica via romana Luni-Boron-Velleia, a 400 metri sul livello del mare. Per la sua privilegiata posizione offre al visitatore un panorama davvero incantevole, che guarda su Moneglia e le sue frazioni , lato mare, e su Castiglione Chiavarese, Campegli, Frascati e persino il lontano santuario di Velva volgendo lo sguardo sulla costa appenninica opposta. 
Il toponimo Bracco deriva secondo studi storici da "Brac", un antico lemma anteriore al periodo romanico che significa "luogo aspro e deserto".
 La via del Bracco non ebbe mai un intenso traffico commerciale ed era difficile compiere viaggi in comitiva. Venivano presi di mira in modo particolare i corrieri postali che, essendo obbligati ad orari prestabiliti, si esponevano a grossi rischi, soprattutto quando trasportavano ingenti somme di denaro. Nella seconda metà dell'Ottocento, in piena epoca delle diligenze, divenne tristemente famosa la Casa Rotta, rifugio di una efferata famiglia di malfattori. Anche nell'immediato dopoguerra si hanno notizie di aggressioni e violenze da parte di banditi: fermavano autocarri ed automobili e i mitra avevano preso il posto delle scimitarre. Chi non viaggiava in colonna in quegli anni, scortato prima dalle camionette degli alleati e poi da quelle dei nostri Carabinieri, correva brutti rischi.Oggi tutte queste storie di briganti sono solo un lontano ricordo e anche la stazione della Polizia Stradale, venne chiusa il 19 agosto del 1971.Però il Bracco va ricordato anche e in modo particolare per il passaggio di illustri personaggi. Ambasciatori, regnanti, parlamentari, poeti, inventori, dignitari ecclesiastici, ecc., ai tempi della "diligenza", vi si fermarono per il cambio dei cavalli, per ristorarsi ed eventualmente alloggiare nella secolare trattoria degli Ameghino, denominata Davidin. Nel 1294, in ritorno dalla Persia, l'ambasciata che il Re d'Inghilterra aveva mandato al Gran Kan, fece la strada di Avenza, Ceparana, Padivarma, Mattarana, Bracco, Recco e Genova. Allora la trattoria degli Ameghino ancora non c'era. Luca Cambiaso, il principe della pittura linguistica, in una lettera ad un suo amico, fece cenno alla trattoria degli Ameghino. Nel 1784 vi passò a cavallo l'imperatore Giuseppe II. L' 11 luglio 1809 vi sostò, prigioniero dei francesi, il pontefice Pio VII.Alessandro Manzoni in una lettera del 7 agosto 1827, descrisse all'amico Grossi, il panorama che ammirò passando dal Bracco. Nel 1830 transitò Giuseppe Mazzini; Giuseppe Garibaldi quando si recava a Chiavari in visita al proprio cugino, spesso salì al Bracco sempre ospite degli Ameghino. E poi nel 1848, si ricorda il passaggio del prete patriota torinese Vincenzo Gioberti. Nel 1853 il famoso musicista Riccardo Wagner passò dal Bracco, diretto a La Spezia. Proclamata l'unità d'Italia nel 1861, gli abitanti del Bracco videro il passaggio del primo Re d'Italia, Vittorio Emanuele II di Savoia, diretto alla volta di Firenze. Nel 1878 Teodoro Roosvelt, presidente degli Stati Uniti, nel suo viaggio di nozze, si recò a Genova passando per il Bracco; viaggio che volle ripetere venticinque anni dopo nel 1903. Alla regina Elena di Savoia con i figli, venne servito il pranzo nella sala della trattoriaDavidin. Anche Guglielmo Marconi passò più volte dal Bracco a ristorarsi presso la trattoria. 
Oggi il Bracco è ancora un piccolo villaggio, abitato da persone profondamente e giustamente legate alle proprie tradizioni e alle proprie radici culturali. Comportamenti, usanze ed abitudini scandite da quei ritmi che lasciano lo spazio alla gente per ritrovarsi, incontrarsi, magari sostare nel piccolo caruggio del borgo a scambiarsi qualche chiacchiera. Quel piccolo villaggio, appoggiato sul crinale di una collina che divide Moneglia da Castiglione Chiavarese, il mare dagli appennini, attraversato oggi dall'Aurelia e che sembra essersi divertito ad osservare il passaggio di una piccola parte della storia d'Italia. E la storia non è ancora finita.

Casale

Comeglio

Facciù

Lemeglio
La posizione assolutamente invidiabile del paesino ha contribuito, nel tempo, a rendere questo piccolo paradiso, tra cielo e mare, un rifugio per molti turisti. Le case, tipicamente liguri, si raccolgono tutte intorno alla chiesa di Santa Maria Assunta che sorge sulla sommità di un’ampia scalinata scavata nella roccia e la facciata denota i caratteri tipici del gotico ligure, con paramento a fasce alternate in marmo bianche e nere. Questa è una costruzione assai piccola (m 16,5x m 10), divisa da tre navate mediante un solo pilastro per lato. Anticamente aveva quattro altari ora ridotti a tre. Il campanile è provvisto di sole due campane una delle quali porta la data del 1350 e l’incisione “Ave Maria”. Da segnalare un’opera del Procaccino raffigurante San Carlo.
Dal paese è possibile raggiungere gli scavi archeologici di Monte San Nicolao. Questa zona in epoca medioevale, era crocevia di importanti vie di comunicazione, comprese le famose “Via Francigena” e “Via Romea”; e per questo era necessaria la presenza di strutture di accoglienza per viandanti e pellegrini: gli hospitalia. Uno di questi era l’Hospitale de Petre Colicis, oggi identificabile con Monte San Nicolao. Vicino a questo albergo, le indagini archeologiche hanno portato alla luce una chiesa romanica, dalla planimetria  a forma di croce latina con tre absidi semicircolari e delle sepolture.

Littorno

S.Lorenzo
L’edificio è molto semplice e sia la chiesa sia il campanile, dove rimane ben visibile la costruzione originaria, sono in pietre quadre.
E’ tradizione che la prima chiesetta di S.Lorenzo, risalente all’epoca tardo romana, sia stata distrutta da Rotari, re dei Longobardi, intorno al 641-642. Ricostruita, venne nuovamente distrutta dal Barbarossa nel 1190. Sulle sue fondamenta venne edificata l’attuale chiesa.Sappiamo che la costruzione venne completata prima del 1224 grazie ad un atto stipulato in quell’ anno nel castello di Monleone e in cui veniva citata la località Chiesa Nuova, ad ecclesiam novam, confinante con il cimitero di S. Lorenzo. Nel 1246 in un atto testamentario, un certo Fusco di Casale, beneficò la Chiesa e nel 1265 Oberto di Castello le lasciava un legato. Nel 1300 Moneglia divenne podesteria autonoma da Sestri Levante e da essa dipendevano le ville e i castelli di : Lemeglio, Deiva, Mezzema , Agnora, Littorno, Scaro, Stozio, Comeglio, Campo soprano, Campo sottano, S.Saturnino, Tessi, Borghetto, Bracco, Casale, Vallecalda, Chiesanuova (ora S.Lorenzo) e Curva.
Fino al XV sec.  S. Lorenzo era la chiesa parrocchiale, la cura d’anime fu ceduta a S. Giorgio in Moneglia nel 1415 come conseguenza dello sviluppo del borgo marinaro. Nel 1568 la chiesetta venne fatta restaurare, a sue spese, dal Cardinale Clemente Dolera . 1741 Chiesanuova compare nell’indice di tutti i luoghi formanti il capitanato di Levanto  compilato dal brigadiere del genio della Repubblica di Genova e cartografo Matteo Vinzoni. 
La tradizione riporta  che  nell’antichissimo obitorio trovassero riposo anche defunti delle comunità di Casarza Ligure e Castiglione.
Legata al folclore popolare è la leggenda che vuole un grande tesoro nascosto alla sinistra della chiesa, almeno stando al racconto di un ladro in cella

S.Saturnino
San Saturnino si presenta al visitatore come un intreccio di viuzze e scalinate in pietra arenaria su cui si affacciano pittoresche case in pietra e ardesia o strette  costruzioni, che si sviluppano su più piani, dalle facciate  rosa e giallo tipiche della tradizione architettonica ligure. Fulcro del paesino è la chiesa Parrocchiale che troviamo nell’estremità inferiore della frazione.Non si hanno dati precisi circa la costruzione e la pianta della chiesa originaria ma si sa che era a due navate e che fu in parte distrutta dal crollo del campanile, colpito da un fulmine, e, riedificata conservando solo l’antico coro, fu ultimata nel 1800. La struttura finale della chiesa è ad un’unica navata centrale arricchita da quattro cappelle mezzo incavate. In una di queste si venera la Santissima Vergine del Rosario, la cui statua appartiene alla scuola del Maragliano. Di grande bellezza sono gli scanni in noce del coro, dono del Cardinale Clemente Dolera alla popolazione monegliese.
Nel 1865 venne restaurata ed arricchita da un affresco di Giuseppe Canevelli con l’iscrizione: “Ad honorem S.Saturnino Episcopi martyris Ecclesiae Tolesanae-ornata anno MDCCCLXV”. 

Tessi

La Pro Loco  in relazione ai suoi fini statutari  gestisce l’ ufficio IAT fornendo accoglienza ed informazioni su tutto ciò che riguarda Moneglia e l’area limitrofa (Baie del Lavante, Tigullio e comuni dell’entroterra sino a Varese Ligure) senza tralasciare la promozione delle attività di Genova (Acquario, Palazzo Ducale, le strutture museali da Palazzo Rosso al Museo di Storia Naturale), del parco e dell’area marina protetta di Portofino e naturalmente le Cinque Terre. Questo al fine di rendere il più possibile gradevole la permanenza ai numerosi ospiti.  L’informazione attenta, attraverso materiale illustrativo ed informativo scaricato anche da Internet, e per questo sempre aggiornato, permette di fornire un’assistenza costante all’utenza, anche tramite la distribuzione di fotocopie colorate o in bianco e nero a seconda delle informazioni in oggetto. L’organizzazione di manifestazioni per il mantenimento delle tradizioni locali attraverso proprie iniziative o in collaborazione con altri Enti è un’ altra delle attività promosse. Al fine di interessare e  informare il turista, sia occasionale sia abituale, viene stampato e divulgato un programma degli eventi culturali, musicali e d’intrattenimento che si svolgono a Moneglia. Quest'ultimo con tutte le iniziative di maggior rilievo viene promosso nella bacheca FB, strumento usatissimo per la promozione e comunicazione, distribuito nell’ ufficio e inviato via e-mail alle strutture ricettive. Un elenco più ampio è invece consultabile sul nostro sito internet . Il personale segue anche la comunicazione su scala più ampia, come testimonia la collaborazione con le redazioni di  Album del Secolo XIX,  La Repubblica, Il nuovo Levante, Radio Aldebaran. La Pro Loco è convinta che alla base di una buona informazione turistica non ci sia solo il lavoro dell’ ufficio turistico ma, anche, una stretta collaborazione con le strutture. In questa ottica ogni anno viene stampato un opuscolo informativo, curato dallo IAT, e distribuito in loco, nelle fiere turistiche e inviato tramite posta.  
Si tiene, inoltre, un contatto diretto con i titolari di strutture ricettive per avere dati aggiornati sulla disponibilità per il week-end e per l’intera successiva settimana, in modo tale da poter garantire ai turisti, che si rivolgono all’ufficio per la disponibilità camere, un’ informazione aggiornata e il più possibile attendibile. Questo servizio è a disposizione di tutti: infatti, una copia comprensiva d’indirizzi e numeri di telefono è esposta in bacheca in modo che anche chi arriva a tarda ora possa avere delle indicazioni utili per il suo soggiorno.
Dal 2004 Pro Loco è rivenditore ufficiale della ATP cosa che  , grazie ad accordi raggiunti nel 2015, ci ha permesso di avere la stampante ATP che permette di vendere direttamente i biglietti autobus e gli abbonamenti necessari sia ai residenti che ai molti turisti che vivono sulle colline, oltre che utilissimi per coloro che decidono di intraprendere uno dei tanti sentieri escursionistici presenti all’ interno del comune. 

Info Point "Bandiera Blu"Ufficio Biglietteria FF.SS.
Viale Amm. Bollo, 1
16030 Moneglia (GE) 
Tel 0185 491726
Orario Feriale e Festivo : 7.30 – 12.30 e 14.00-17.30

Per ulteriori informazioni sui treni Trenitalia e Viaggiatreno 
Consorzio Olivicoltori Facciù di Moneglia
Produzione e vendita diretta di olio extravergine di oliva tipico di Moneglia
Loc. Facciù, 22
tel 3336950704 - 018549962

A Buttega da Fritua
Gastronomia
P.zza Marengo, 21
tel 3381324462
Alimentari Migliaro
Via V.Emanuele
tel 018549219
Tutta Farina del mio Sacco
Panificio Gastronomia
via V. emanuele, 82
tel 3459494330
M. Castellucchio & C.
Panificio Pasticceria
Via V. Emanuele, 129
tel 018549357
Due di coppe
Vini sfusi e in bottiglia
Via Colombo,7
tel 01851898442

Pinuccia
Merceria e abbigliamento
Via Colombo, 9/10/11
tel 018549478

 

DORO Centry Supermercati
Via V. Emanuele, 106
tel 018549371

Dasso Bibite
Via Vico di L. Longhi
tel 018549278

Braccomedia
Hardware & Software, Telefonia e Accessori
Piazza Marengo, 27
tel 01851871102
www.braccomedia.it

Motonautica Pagliettini
Alaggio Ormeggio Rimessaggio
Via Burgo, 66/68
tel 0185491642
S.E. di Marco Gabelli
Impianti elettrici - Installazione e manutenzione
Via V. emanuele, 136
tel 018549988

Robin Wood
Giochi Gadget Souvenir
Via V. emanuele, 79
tel 3490928256 - 3388953895

Lorenzo Botto Ferramenta
C.so L.Longhi,43
tel 018549261
La Sfinge Edicola Cartolibreria
Via V.Emanuele, 102
tel 0185491062 - 3391754139 - 3392561220
La Sfinge
Campo da Tennis e calcio a 5
Asd Monilia
via Canepa
Tel 3297239296
Centro Polisportivo Moneglia
Via Torrente s. lorenzo, 76
CPM
 
 

 

Cookie

Il Sito utilizza utilizza cookie tecnici e di terze parti.

Il Sito NON usa cookie di profilazione. Per saperne di piu'

Approvo

Ti potrebbe interessare anche...